Johann Wolfgang Goethe - Meditazioni sulla Natura
search
  • Johann Wolfgang Goethe - Meditazioni sulla Natura

Johann Wolfgang Goethe - Meditazioni sulla Natura

12,00 €
Quantità
Ultimi articoli in magazzino

  Pagamento sicuro

Adottiamo solo i migliori sistemi di pagamento.

  Spedizione

Solitamente spedito in 24h (dal lunedì al venerdì)

  Reso

Nei termini di legge, potrai effettuare il reso nelle modalità che preferisci

Qui Goethe appare nella sua veste meno conosciuta di scienziato, a cui sono state attribuite fondamentali scoperte scientifiche sulla natura foliare, sulla teoria della derivazione delle ossa e sull’anatomia comparata. Queste meditazioni estrapolate dai suoi scritti scientifici – oltre a testimoniare alcuni punti chiave del suo pensiero – esulano dal tempo offrendo spunti di riflessione su questioni quanto mai attuali: medicina olistica, studi botanici sull’intelligenza delle piante e sul mistero del seme, dibattito tra conoscenza scientifica e conoscenza teologica.

«Del più completo stato di salute possiamo aver coscienza solo in quanto sentiamo non le parti del nostro Tutto, ma soltanto il Tutto, ciò è possibile solo in quanto gli esseri sono organizzati, e possono essere organizzati e mantenuti in attività unicamente dallo stato che chiamiamo vita.»

Goethe mise in crisi i fondamenti di assolutezza del metodo scientifico secondo l’intuizione di principi ancora più universali. Le sue ricerche scientifiche frutto di cinquanta anni di studi meticolosi sulla geologia, sull’anatomia e soprattutto sulla morfologia degli animali e delle piante, hanno la peculiarità e l’originalità di proseguire di pari passo con la ricerca dei bisogni umani dell’uomo di scienza. La sua visione della natura esprime un sentire scientifico innovativo e moderno che sembra rivolgersi a coloro che coltivano un approccio diverso alla vita, alla medicina e alla scienza, che cercano un contatto e un’appartenenza alla natura, e alla quale si relazionano con rispetto e riverenza.
La scienza stessa si trova oggi a interrogarsi  sul valore della conoscenza intuitiva e immaginativa per poter andare oltre il dato sensibile infinitamente  scomposto e analizzato dalla metodologia riduzionista.

«Senonché questi sforzi analitici, portati continuamente innanzi, recano in sé molti svantaggi. Ciò che prima era vivo è bensì scomposto in elementi; ma da questi non si può ricomporlo né, tanto meno, ridargli vita. Perciò in tutti i tempi, gli scienziati hanno sentito il bisogno di conoscere il vivente in quanto tale, di vederne in mutuo rapporto le parti esterne visibili e tangibili, di considerarle indizi del loro interno, e per tal modo dominare l’insieme, per così dire in una visione intuitiva. Come questa aspirazione si ricolleghi all’impulso artistico e imitativo non occorre insistere.»

3 Articoli

Scheda tecnica

Pagine
144
Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.