Principio Paolino - Complesso di superiorità
search
  • Principio Paolino - Complesso di superiorità

Principio Paolino - Complesso di superiorità

22,00 €

Almanacco della storia della Juve 1897-2010

Quantità

  Sicurezza

Non raccogliamo dati oltre a quelli essenziali per far funzionare il nostro sito

  Spedizione

Solitamente spedito in 24 o 48 ore a seconda dell'effettiva disponibilità.

  Reso

Il reso è a carico del cliente e il rimborso verrà emesso in conformità della legge italiana.

“Complesso di Superiorità”, racconta la storia della Juventus dalla sua fondazione (1° novembre 1897) ai giorni d’oggi, attraverso il filtro delle cifre. Dopo una corposa cronistoria, l’autore entra nel dettaglio ripercorrendo attraverso un approccio statistico, e quindi scientifico, i passi che hanno portato il club bianconero a diventare il più amato dagli Italiani. La prima sezione può essere considerata riassuntiva, presentando un riepilogo complessivo, il ricco palmarès, le 27 (anzi, 29...) formazioni che hanno portato a casa il tricolore, le innumerevoli finali disputate e gli albi d’oro, questi ultimi contrassegnati dai diversi “grassetti” che evidenziano il trofeo vinto dalla Juventus. Il tutto è arricchito dalle sedi sociali e dai campi di gioco che hanno costituito il palcoscenico di cotanti successi. Quindi ecco i presidenti e il loro periodo sul trono bianconero. Dopodiché comincia la sezione dedicata alle varie stagioni calcistiche. Per ogni annata, l’autore propone risultati e marcatori, oltre che lo schieramento tipo e gli altri giocatori che hanno fatto parte della rosa in ordine di utilizzo. Un’analisi maggiormente approfondita è stata attribuita alle ultime due stagioni, in cui si trovano tutti i tabellini e le relative statistiche riguardanti i tiri in porta, i tiri fuori, il possesso palla e il racconto degli highlights. La successiva sezione analizza poi i confronti diretti, quindi il bilancio totale delle partite (in casa, in trasferta e in campo neutro) con tutte le compagini affrontate dalla Juventus nella sua storia. Prima con quelle italiane, quindi con le straniere, con tanto di bilancio nazione per nazione. In mezzo, anche tutti i tabellini dei derby e quella che viene definita la superclassifica della serie A, ossia una sorta di graduatoria perpetua che tiene conto di tutti i risultati ottenuti dalle varie squadre dalla fondazione del girone unico (1929-30) a oggi. A questo punto si passa alle statistiche individuali. Si parte con gli allenatori e le schede dettagliate di coloro che si sono seduti sulla panchina bianconera per almeno 100 volte, per poi arrivare ai giocatori. Dopo l’elenco in ordine alfabetico di tutti i calciatori che sono scesi in campo almeno una volta con la casacca bianconera (si noti che per ognuno è dato sapere il ruolo, la nazionalità, il periodo di militanza e lo score suddiviso tra competizioni italiane, internazionali e totale in bianconero), l’autore ha scelto 200 atleti di cui ha presentato una scheda approfondita. Tra questi, ha annoverato i 131 elementi che hanno collezionato almeno 100 presenze con la maglia della Juve, quindi ne ha “raccontati” altri 69 che, nel bene e/o nel male, hanno caratterizzato la storia della Vecchia Signora. L’ordine scelto è quello delle presenze complessive. Si noti inoltre che per i 13 marcatori che hanno segnato più di 100 gol, l’autore propone l’elenco di ogni singola rete, segnalando data, partita, minuto, risultato finale e parziale. L’argomento in questione si chiude con i giocatori stranieri suddivisi per nazione, secondo l’attuale struttura geopolitica mondiale. Infine, ecco l’analisi del preziosissimo contributo bianconero alla Nazionale italiana e tutte le cifre che testimoniano quanto i successi degli azzurri siano stati direttamente proporzionali al numero di juventini schierati. Le statistiche, come si legge nella prefazione di Salvatore Lo Presti, “non ammorbano assolutamente il calcio - come sostiene qualche osservatore molto superficiale - ma ne rafforzano la storia e le sentenze emesse dai vari campionati, decretate dagli eventi”. Facendosi aiutare dai numeri, insomma, l’autore cerca di spiegare il complesso di superiorità del tifoso bianconero, uno che “cammina con il petto in fuori ed è generalmente ottimista. Un po’ come quando aspetta una partita della sua squadra, lui sa che potrà perdere ma soprattutto sa di poter vincere contro chiunque”.



5 Articoli

Scheda tecnica

Pagine
688
Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.